venerdì 4 novembre 2016

Recensione: Fangirl – Rainbow Rowell

Ciao a tutti e benvenuti nella prima recensione del blog❣️
Il primo romanzo che vi recensisco e che fa capolino ad una (spero) lunga serie di recensioni è Fangirl di Rainbow Rowell, pubblicato in Italia dalla casa editrice Piemme. Questa dolcissima storia vi conquisterà. Per saperne di più vi invito a leggere la recensione.


Titolo: Fangirl
Titolo originale: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Editore: Piemme
Pubblicazione italiana: 18/10/2016
Genere: young adult
Serie: no
Prezzo cartaceo: € 17,00
Prezzo Ebook: € 6,99
Compra il libro QUI 📕

Approdata all’università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita…


‘Sì, Cath è un totale disastro!’ E’ questo il primo pensiero che mi viene in mente quando penso al suo personaggio. I personaggi, il punto forte di questo romanzo.
Cather Avery è pronta a cominciare la sua nuova avventura, l’università. Per lei il solo pensiero è un incubo, tutto l’opposto di quello che invece rappresenta per la sua gemella Wren: feste, alcool, nuove amicizie. Le due gemelle hanno caratteri molto diversi, il solo fatto che è crollato il mondo addosso a Cath quando ha saputo che la sorella non avrebbe voluto condividere la stanza con lei al dormitorio è stato motivo di tradimento. Sì, Cath si è sentita per la prima volta in vita sua tradita dalla sorella.
Il mondo di Cath sono i libri. In particolare la serie su Simon Snow di Gemma T. Leslie, dalla quale ha preso “in prestito” i personaggi per creare una fanfiction tutta sua Carry On, Simon, molto seguita e apprezzata sul web. E’ questo l’universo di Cath. Per lei esistono soltanto Simon Snow, Baz e le sue storie. Non a caso la sua vita universitaria si svolge per lo più all’interno della sua stanza di fronte al suo laptop, in aula a lezione di scrittura creativa e in biblioteca dove è impegnata a scrivere con Nick, un compagno di corso. Le uniche persone con cui socializza sono la sorella (con la quale ci sono numerosi alti e bassi), Nick e Raegan, la sua compagna di stanza. E poi c’è lui, Levi, l’apparente ragazzo di Raegan. Dal mio punto di vista Levi è il ragazzo più dolce, più sorridente, più buono e più gentile di cui io abbia mai letto. Si fa voler bene da tutti e dispensa sorrisi per tutti. E’ proprio difficile resistergli.
Le due gemelle hanno alle spalle un passato abbastanza difficile, con un padre che le adora ma che spesso soffre di problemi di personalità e una madre che le ha abbandonate all’età di 8 anni. Sarà dura per Cath dividere la sua vita tra le lezioni, la sorella, il padre, una professoressa che crede in lei ma che ha opinioni nettamente diverse riguardo la fanfiction, la compagna di stanza (inizialmente indifferente e scorbutica nei suoi confronti ma che in fondo si affeziona a lei) e…. Levi. Il ragazzo che la accetta così com’ è, che la invoglia ad uscire ma che allo stesso tempo passa le ore ad ascoltare la sua fanfiction.

«… mi sa che questa cosa non fa per me. Non sono tagliata per i rapporti ragazzo-ragazza. I rapporti uno a uno. Io non mi fido di nessuno. Di nessuno proprio. E più tengo a una persona, più mi convinco che si stancherà di me e prenderà il largo.» - Cath

Questo romanzo è amore allo stato puro, amore per la sorella, amore per il padre, amore per Levi, amore per la scrittura, per le fanfiction, per i libri e soprattutto amore per se stessi. Cath ha un carattere particolare, difficile, chiuso, asociale, a tratti pungente, molto diverso da quello della sorella (più socievole e sorridente) ma non per questo non ben voluta e apprezzata, è soltanto più difficile abbattere i muri e le barriere che lei stessa negli anni ha costruito. La sua intelligenza e la sua creatività la contraddistinguono e il suo amore per i personaggi di Simon e Baz lo si percepisce dalla prima all’ultima pagina di questo libro.

«Quando si metteva a scrivere, non sentiva il bisogno di rientrare gradualmente nella storia, di acclimatarsi. Era sempre dentro la storia. Tutto il giorno. La vita reale si svolgeva ai margini, nell’ambito della sua visione periferica»

 Il modo in cui è scritto questo romanzo è scorrevole e lineare, in una terza persona che mette ben in chiaro i pensieri di Cath. La trama non è ricca di colpi di scena o di azione, è abbastanza tranquilla e si svolge essenzialmente tra l’università e la casa del padre. Come sostenevo all’inizio, sono i personaggi il punto forte di questo romanzo, il modo in cui sono sviluppati. Cath, insieme a Simon e Baz sono i protagonisti indiscussi. Levi è il personaggio che preferisco, non è un bad boy, anzi è tutto l’opposto e il suo rapporto con Cath sarà molto particolare e unico per certi versi.

«Era un bravo ragazzo e non voleva perderlo. Non nel senso che temeva di perderlo nell’interstatale. Intendeva in generale. Non voleva perderlo in generale, ecco.»

Molto interessante è il fatto che si possa leggere parte di fanfiction scritta da Cath e parte di romanzo di Gemma T. Leslie (una storia nella storia), anche se alla lunga potrebbe un po’ dar noia, io ad esempio ero più impaziente di leggere come proseguiva la storia di Cath, di Levi e della sorella, Wren ( personaggio che a tratti ho amato ed odiato).

«La mia amica del cuore sei tu, però» la rassicurò imbarazzata. «Lo sai. Un’amica del cuore incorporata. Per la vita.» - Wren

Direi che in questa storia non manca proprio niente: amore, ironia, dolcezza e un pizzico di magia (grazie alla fanfiction); ve la consiglio assolutamente. Se volete leggere di personaggi non banali e non stereotipati è il libro che fa per voi. L’unico appunto che ho da fare riguarda il finale: il tutto si è concluso troppo velocemente e un po’ bruscamente, avrei sviluppato alcuni concetti che secondo me sono stati lasciati leggermente in sospeso. Insomma avrei speso altri due, tre capitoli per concludere in modo più calmo, ma ciò non toglie la bellezza della storia. In ogni caso, consiglio vivamente la lettura di questo romanzo, perché, se riesce a prendervi come è successo a me, finirete circa 500 pagine in meno di 48h. Buona lettura e alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...